Comunicare con Fornitore? Fornitore
Katrina Ms. Katrina
Cosa posso fare per te?
Chatta adesso Contattare il Fornitore

Chengdu Jingke Trading Co., Ltd.

Limonina naturale 30% 90% 95% 98%
Limonina naturale 30% 90% 95% 98%

Limonina naturale 30% 90% 95% 98%

Tipo di pagamento: L/C,T/T,Paypal,Money Gram,Western Union
Incoterm: FOB,CFR,CIF
Termine di consegna: 2 giorni

contattaci ora Aggiungi al carrello

Informazioni basilari

    Modello: 1

Additional Info

    Pacchetto: Tamburo

    Trasporti: Land,Air,Global Express

    Luogo di origine: CN

    Abilità del rifornimento: 20T

    Porta: Chengdu

Descrizione del prodotto

Introduzione:


I limonoidi degli agrumi sono responsabili del gusto amaro degli agrumi. I limonoidi più diffusi sono la limonina e la nomilina. Sono presenti nelle piante rutacee che includono limone, lime, arancia e pompelmi. Una caratteristica importante di questa classe di composti è una frazione furanica sostituita.



È stato determinato da studi su animali che i limonoidi e i derivati ​​di agrumi hanno determinate attività biologiche che possono essere utilizzate come agenti chemiopreventivi per il cancro.


La limonina è una sostanza limonoide e amara, bianca, cristallina che si trova negli agrumi e in altre piante. È anche noto come D-ring-lattone limonoato e acido-del-delta-lattone limonoico. Chimicamente, è un membro della classe di composti noti come furanolattoni.



La limonina è arricchita di agrumi e si trova spesso a concentrazioni più elevate nei semi, ad esempio semi di arancia e limone. Il limonino è presente anche in piante come quelle del genere Dictamnus.



La limonina e altri composti limonoidi contribuiscono al gusto amaro di alcuni prodotti alimentari di agrumi. I ricercatori hanno proposto la rimozione di limonoidi dal succo d'arancia e altri prodotti attraverso l'uso di film polimerici.

Elenco prodotti : Estratto di erbe

Mail a questo fornitore

Il tuo messaggio deve essere compreso tra 20-8000 caratteri

Elenco prodotti correlati

Casa

Phone

Informazioni aziendali

inchiesta